Valduggia

La procura non ha dato il consenso alla proposta di patteggiamento per Daniel Cuccato, il venticinquenne di Coggiola al volante della Volkswagen Polo a bordo della quale, poco più di un anno fa, morirono Rosa Migliore e Silvia Bertarella. Il 22 Ottobre l’auto uscì di strada nei pressi di Valduggia, dove le due ragazze poco più che ventenni vivevano. In auto c’erano anche Domenico Parisi, 22 anni e Andrea Bassignana,26, rimasti feriti. Ieri davanti al giudice per le udienze preliminari Antonio Mussa il pubblico ministero Pierluigi Pianta non ha dato il consenso alla richiesta di patteggiamento, a due anni con pena sospesa, avanzata da Alessandro Scheda che difende Cuccato, accusato di omicidio stradale. Lo stesso Scheda ha fatto richiesta per il rito abbreviato. La famiglia Migliore era rappresentata dall’avvocato Francesca Bacchetta, mentre per la famiglia Bertarella l’assistenza legale è di Lorenzo Sozio, entrambi incaricati dallo studio Giesse Gestione Sinistri di Borgomanero per la tutela nel penale. Eugenio Ferla e Fabrizio Lauti, Massimo Pozzo rappresentano i due passeggeri rimasti feriti. Chiesta anche la chiamata in causa del responsabile civile, vale a dire l’assicurazione. Il gup ha rinviato la sua decisione a novembre: se quest’ultima richiesta non dovesse essere accolta probabile che le parti comincino la discussione davanti al giudice.

Avv. Lorenzo Sozio

(in foto: Avv. Lorenzo Sozio)