Sono provvedimenti assunti dal Tribunale per i minorenni o dal Tribunale civile che dispongo l’affidamento del minore al servizio sociale. Il Tribunale dei minori li può assumere nell’ambito di un procedimento ai sensi dell’art. 330 c.c. (per la decadenza della potestà genitoriale) o dell’art. 333 c.c. (quando la condotta del genitore non è così grave da imporre la decadenza dalla potestà genitoriale, ma è comunque pregiudizievole per il figlio). Oppure possono essere presi dal Tribunale civile nell’ambito dei procedimenti per separazione personale o divorzio o comunque derivanti dalla cessazione della convivenza.
Si tratta di provvedimenti i cui il giudice dispone l’affidamento ai servizi sociali del minore con o senza collocazione in una comunità.
Nella sostanza, vengono a porre prescrizioni alla vita del minorenne e dei loro genitori. La misura concreta dipende dallo specifico contesto. Si va da provvedimenti molto generici, in cui si stabilisce solo un generale controllo dei servizi sociali sulla vita famigliare o provvedimenti molto più compressivi della potestà genitoriali, dove vengono assunte direttive ed ordini ben precisi e concreti nei confronti del minore ( si pensi ad ordini circa l’istruzione dei minori o la frequentazione dei un genitore, ecc.).
A volte, viene anche stabilito che i servizi sociali debbano periodicamente riferire al Tribunale.
A tali provvedimenti si giunge, come detto, nel corso di un procedimento per separazione o divorzio o per cessazione della convivenza, ma, quando sono disposti dal Tribunale per i minorenni, altresì a seguito di segnalazione da parte del Pubblico ministero del Tribunale per i minorenni o da parte del servizio sociale medesimo, o da parte dei genitori o dalla scuola, ecc.
Per loro natura, si tratta di provvedimenti che hanno natura temporanea e provvisoria, sebbene spesso non venga indicata nel provvedimento giudiziale la data in cui sono destinati a terminare. Però possono certamente essere modificati dal giudice quando si modificano i presupposti sulla base di cui detti provvedimenti sono stati emessi.
Avv. Monica Bombelli – IUS 40